Contattaci per maggiori informazioni

Vuoi sapere di più su questo prodotto?

Contattaci

La raccolta dati in mobilità sta conquistando Hope Mills

Sfida

migliorare l'efficienza e l'accuratezza di un dipartimento delle acque piovane composto da due persone responsabile di condurre ispezioni e interventi di manutenzione per 2.500 risorse per la gestione delle acque piovane.

Soluzione

impiegare il computer ultra-robusto e compatto Nautiz X7 di Handheld per raccogliere i dati utilizzando moduli elettronici personalizzabili, GPS e una fotocamera integrata.

Risultato

Nautiz X7 ha consentito al dipartimento di aumentare la produttività del 700 per cento, aumentare l'accuratezza dei dati e migliorare la sicurezza personale dei dipendenti negli ambienti di lavoro pericolosi.

 

I computer di Handheld aiutano una piccola cittadina del Nord Carolina ad aumentare l'efficienza del proprio programma di ispezione delle acque piovane.

Per le piccole cittadine aventi a disposizione risorse limitate, l'efficienza è importante. Ma come si fa quando l'intero dipartimento delle acque piovane, responsabile di ispezionare e stilare rapporti su 2.500 risorse per la gestione delle acque piovane all'interno dei confini cittadini, è composto soltanto da due persone? In questo caso l'efficienza è fondamentale.

Il sistema di drenaggio municipale separato per l' acqua piovana di Hope Mills, nel Nord Carolina, una cittadina di 6,2 miglia quadrate (16 chilometri quadrati) con poco più di 15.000 abitanti, deve essere monitorato regolarmente ai fini della conformità con il permesso EPA National Pollutant Discharge Elimination System della città. Alla fine dello scorso anno, quando Hope Mills ha iniziato a monitorare le prese d'acqua, oltre agli scarichi già in corso di monitoraggio, divenne evidente che l'antiquato sistema basato su carta e penna doveva essere sostituito con un metodo migliore e più efficiente.

La città si è rivolta a LogicConcepts, un'azienda tecnologica con sede a Greenville, nel Sud Carolina, specializzata in sistemi di raccolta dei dati, per scegliere e implementare un nuovo sistema che prevede l'uso di computer portatili e software personalizzato.  Ora, i tecnici possono completare un numero significativamente maggiore di controlli al giorno, restando al sicuro in ambienti pericolosi e raccogliendo dati più accurati.

Tra l'inferno e l'acqua alta

Il monitoraggio delle risorse non è un gioco da ragazzi. Per raggiungere i siti di ispezione può essere necessario attraversare aree boschive remote e corsi d'acqua, indossando attrezzature protettive personali come stivali alti e copri pantaloni impermeabili, stivaloni, machete, cappotti e guanti pesanti. Gli ispettori indossano in tutte le occasioni giubbotti di sicurezza e trasportano spray anti-animali e manganelli per proteggersi della fauna selvatica. Prima dell'aggiornamento tecnologico, i tecnici dovevano anche trasportare moduli d'ispezione cartacei a due pagine e fotocamere digitali per la raccolta dei dati.

"Le tasche erano piene, gli attrezzi strabordavano dalla cintura, e avevo la macchina fotografica intorno al collo," dice Elisabeth Brown, tecnico delle acque piovane e metà del duo incaricato di monitorare e gestire le risorse di Hope Mills.

Dover maneggiare tutte queste attrezzature non era solo un inconveniente per Brown; portava anche all'insorgere di un problema di sicurezza. "Con le mani piene, era difficile spostarsi su alcuni tratti di terreno, quindi ero continuamente preoccupata di far cadere in acqua o perdere la macchina fotografica. Avevo paura di non essere in grado di proteggermi dagli animali", afferma.

Se i moduli si fossero bagnati, sarebbe stato necessario ricompilarli. E dopo una lunga giornata di ispezioni, il lavoro di Brown non era ancora finito; una volta tornata in ufficio, doveva dare inizio al noioso processo di caricamento dei rapporti su fogli di calcolo, scannerizzandoli sul computer ed etichettando le immagini. Brown poteva ritenersi fortunata se riusciva a ispezionare e registrare 35 siti al giorno.

Trovare il percorso di minor resistenza

Quando i dipartimenti delle acque piovane e dei lavori pubblici ne hanno avuto abbastanza, hanno iniziato a chiedere in giro informazioni sul modo migliore di semplificare le ispezioni utilizzando i computer portatili. Essi sapevano che qualsiasi dispositivo avessero scelto avrebbe dovuto essere in grado di resistere a una caduta sul terreno o in acqua, pur essendo abbastanza leggero da poterlo trasportare facilmente su di una cintura insieme ad altri attrezzi, e abbastanza piccolo da stare comodamente in una mano.

Questa ricerca li ha condotti sino a LogicConcepts, che li ha aiutati a scegliere un pacchetto hardware e software adatto alle loro esigenze. La scelta è ricaduta sulla piccola ma potente unità Nautiz X7 di Handheld, abbinata al programma software personalizzabile Atlas360 di LogicConcepts.

Nautiz X7 soddisfa gli standard militari degli Stati Uniti in materia di resistenza agli urti, ed è totalmente impermeabile nei confronti di polvere e acqua. L'unità comprende un avanzato sistema GPS, dura più di un'intera giornata lavorativa con una singola carica, e dispone di una fotocamera integrata completa di autofocus e flash LED. Nonostante la sua struttura esterna estremamente resistente, questo dispositivo palmare pesa solo 17 once (490 g), ed è abbastanza compatto da poter essere impugnato e utilizzato con una sola mano.

Il programma Atlas360 consente agli ispettori di utilizzare moduli di raccolta dati elettronici personalizzabili. "La scelta del software si è basata sul fatto che gli ispettori avrebbero potuto creare moduli di ispezione all'interno di Atlas360, per poi utilizzarli sul campo," dice Taji Richardson, direttore dello sviluppo prodotti di LogicConcepts.

Per completare un'ispezione, Brown utilizza una serie di tratti caratteristici per identificare gli scarichi problematici, e una serie di tratti diversi per la manutenzione delle prese. Utilizzando Atlas360, è stata in grado di creare delle versioni elettroniche dei propri moduli cartacei e caricarli nell'unità Nautiz X7.

"Ora, quando esce per ispezionare le risorse, può utilizzare i moduli da lei creati per immettere rapidamente i dati dell'ispezione," afferma Richardson.

Nel complesso

Nonostante acquisire familiarità con una tecnologia completamente nuova abbia rappresentato una sfida, la transizione di Hope Mills al Nautiz X7 ha apportato un cambiamento incredibilmente positivo. I dati restano al sicuro fino a che non possono essere sincronizzati, e non è necessario far fronte ai problemi relativi a calligrafia, condizioni atmosferiche o immissione manuale dei dati, aumentando enormemente l'accuratezza. I dati GPS integrati indicano al dipartimento esattamente dove e quando hanno avuto luogo le ispezioni, evitando la necessità di fare congetture o registrare la posizione per mezzo di un procedimento tedioso. Le unità Nautiz X7 hanno superato ogni sfida, senza alcuna segnalazione di danni o problemi.

Ma la vera prova risiede nei numeri: laddove l'utilizzo di penna e carta consentiva un massimo di 35 ispezioni al giorno, il nuovo sistema ne consente 21 in un'ora. Nel corso di un'intera giornata lavorativa, si tratta di un incredibile aumento della produzione del 700 per cento.

"Un'ispezione completa con fotografie richiede meno di due minuti. Tutte le informazioni raccolte sul campo vengono caricate dal palmare in meno di un minuto, e sono pronte per essere stampate o inviate via e-mail in pochi minuti," afferma Brown.

Allora, che cosa sta facendo Hope Mills con tutto questo tempo risparmiato? Hanno già iniziato a utilizzare il nuovo sistema nei propri dipartimenti per la gestione dei rifiuti e stradali per registrare più rapidamente i rischi e le violazioni, e sono occupati a sognare ulteriori implementazioni di questo sistema.

"Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è quell'unico dispositivo," afferma Brown.